Come scegliere il bouquet giusto in sole tre mosse

Lungi dall’essere un semplice agglomerato floreale, il bouquet è un fondamentale accessorio per la sposa, che sia piccolo o grande, tondo o a cascata, di fiori freschi o artigianale, esso è tra gli elementi decorativi e simbolici di maggior rilievo del matrimonio, e va scelto con cura. I fiori sono tanti, tutti incantevoli e pregni di significato… ma come scegliere quelli giusti?

Ecco i tre aspetti da considerare : la forma, i colori, e il significato dei fiori.

La forma  del bouquet

La forma del bouquet dovrà essere in armonia prima di tutto con il wedding dress (stile, tessuto e colore), poi con le caratteristiche estetiche della sposa: silhouette, altezza, e colori.

Voluminoso: con fiori grandi o con lo stelo lungo, si adatta perfettamente ad abiti da sposa stile impero, dal taglio semplice ma dalla linea sofisticata
Voluminoso a cascata o a goccia: con fiori cadenti e fronzoli è più adatto ad una sposa mediamente alta, formosa che indossa un abito aderente a sirena con strascico.
B. unico fiore: non è certo un classico ma si tratta di una scelta di tendenza elegante e raffinata. Va bene per abiti aderenti, a sirena o a colonna. La peonia è un fiore che si presta molto per essere usata singolarmente grazie alla sua forma così ampia e consistente per un risultato finale di sicuro impatto.
Compatto e rotondo: di piccolo diametro con fiori piccoli o medi e gambo corto è adatto a tutte, tutti gli stili di abiti, in particolare è da preferirsi ad altre forme per cerimonie informali, rito civile, abito corto o tailleur, inoltre è importante che sia leggero e maneggevole; per un diametro maggiore è bene valutare se si armonizza alla fisicità della sposa e che quindi esalti lei e l’abito senza coprirli.
B. grandezze irregolari: tra le ultimissime tendenze bridal ci sono i bouquets boho-chic caratterizzati da grandezze pronunciate e irregolari, nuance intense, e ricercate combinazioni di fiori, ramoscelli, bacche, erbe e piante raccolte in raffinati intrecci di tessuto; si adattano ad abiti freschi, a tratti informali che rinunciano ai volumi ma non al pizzo, allo chiffon, ai merletti e ai colori che rievocano la natura. Le spose che rispondono ai canoni di questo stile sono quelle con una personalità eccentrica e alternativa che amano il genere un pò selvaggio, adatto a cerimonie nuziali con riferimenti al mondo della natura.
B. piante grasse: tra i matrimoni moderni si fanno largo le piante grasse, che sapientemente accostate a fiori dai colori pastello creano un risultato diverso dal solito, ma ricco di fascino e contemporaneità per una sposa sicura di sé che ama osare con scelte diverse dalle convenzionali.

I colori dei fiori in un bouquet      

 Le scelte cromatiche devono essere in armonia con il colore dell’abito, optando per una tonalità che diventerà il filo (stilistico) conduttore che legherà il resto degli elementi decorativi della cerimonia, andando a creare l’atmosfera desiderata, tenendo conto del gusto personale della sposa, della stagione e soprattutto della disponibilità in natura dei colori desiderati se parliamo di fiori veri, la storia cambia se siete orientate su composizioni di fiori artificiali e materiali alternativi dove ci sono meno limiti:

Fiori bianchi: simbolo di purezza, sacralità, stabilità, e armonia. Nei paesi occidentali sono fortemente legati al matrimonio; Camaleontici perché si adattano ad ogni tipologia di matrimonio, per chi non vuole sbagliare e andare sul sicuro.

Fiori rosa: femminilità, romanticismo gentilezza e innocenza. Adatto a ricreare un’atmosfera fiabesca ed eterea.                                                                                         

Fiori viola: timidezza e generosità. Nella variante lilla esprimono amore sincero e privo di interessi.                                                                                                             

Fiori gialli: colore estivo per eccellenza esprime solarità, spensieratezza, fertilità e gelosia.

Fiori Azzurri: fedeltà, armonia, pace e freschezza. Perfetti per un matrimonio in spiaggia.

Fiori arancioni: allegria e gioia per il risultato raggiunto, alba e tramonto. Particolarmente indicati per un matrimonio country o country-chic.

Fiori verdi: speranza, gioia e ottimismo.

Fiori rossi: i più appariscenti, simbolo di passione, costanza, e immortalità dei sentimenti.


 Il significato simbolico dei fiori in un bouquet                                                                                                                        

Rosa: prima fra tutti, un classico che simboleggia amore felice, ammirazione e perfezione; il suo senso e strettamente connesso al colore.

Peonia: dagli europei è definita ‘rosa senza spine’  ed è simbolo di romantiche storie d’amore; auspicio cinese di buona fortuna, bellezza femminile e prosperità.

Orchidea: simbolo di armonia perfetta per la sua forma simmetrica è considerata un messaggio universale destinato alla persona più preziosa della propria vita.

Anemone: chiamato anche ‘fiore del vento’ per la delicatezza dei petali e la fragilità che vira verso un sentimento di aspettativa …

Calla: simbolo di bellezza semplice e raffinata, segno di stima e ammirazione sincera.                                                                                                                                     

Giglio: purezza ,fierezza e nobiltà.                                                                                                                                                                                                                      

Tulipano: esprime un sentimento di amore equilibrato, perché ricambiato e sereno.

Papavero: orgoglio ed eccentricità.

Ortensia: carica di pensieri d’amore per la sola persona amata, amore ardente e profondo.

Gardenia: purezza e sincerità.

Garofano: esprime in tutte le sue varianti fedeltà e dolcezza.